1. Permesso internazionale di guida
  2.  / 
  3. Blog
  4.  / 
  5. Piccolo incantatore: Esplorando l'eredità della Fiat Vignale Gamine
Piccolo incantatore: Esplorando l'eredità della Fiat Vignale Gamine
May 02, 2024

Piccolo incantatore: Esplorando l'eredità della Fiat Vignale Gamine

No, la famosa multinazionale Fiat S.p.A. non ha fatto uscire questa particolare vettura dalla sua linea di produzione. Nasce invece dall’officina del signor Alfredo Vignale, utilizzando componenti della popolare Fiat Cinquecento. Situata nella città di Grugliasco, adiacente allo stabilimento Fiat Mirafiori, questa creazione artigianale è stata realizzata tra il 1967 e il 1971. Costruita minuziosamente, in piccoli lotti, rappresentava una fusione di arte e ingegneria automobilistica, realizzata con precisione. Contemporaneamente, l’officina di Vignale realizzò anche serie limitate di veicoli basati sui modelli Fiat 850, Fiat 124 e Fiat 125.


L’abitacolo della vettura è semplice e poco sofisticato: nulla di superfluo.
I sedili, tuttavia, sono abbastanza comodi e non temono l’umidità.
Il numero di strumenti sul pannello frontale è ridotto al minimo: un unico quadrante contiene tutto ciò che serve.

Il percorso di Alfredo Vignale inizia nel 1913 a Grugliasco, dove fa il suo apprendistato presso la rinomata carrozzeria Stabilimenti Farina. Fondando la sua impresa nel 1948, Vignale si è occupato principalmente di soddisfare le richieste su misura delle principali case automobilistiche italiane e internazionali. Dai modelli da esposizione destinati ai saloni dell’auto di tutto il mondo alle creazioni su misura per clienti privati esigenti, la maestria di Vignale ha raccolto consensi in tutto il settore automobilistico. Tra i clienti più importanti figurano Cisitalia, Ferrari, Volvo, Lancia, Alfa Romeo, Maserati e, naturalmente, Fiat.


Il design del frontale è dominato da una grande e vistosa mascherina del radiatore. Dietro di esso, tuttavia, non si trova alcun radiatore, e non ce ne sono affatto sulla vettura, né davanti né dietro.
Questo è ciò che il falso radiatore decorativo nasconde dietro di sé.

All’inizio degli anni ’60, Alfredo Vignale ritenne che fosse giunto il momento di passare dalla subfornitura alla creazione di un proprio marchio automobilistico. Così, ha trasferito le sue attività più vicino allo stabilimento di Mirafiori, facilitando l’efficienza logistica. Inizialmente Vignale lavorò sulla piattaforma della Fiat 850, realizzando eleganti carrozzerie aperte e chiuse. Con l’avvento dei modelli Fiat 124 e Fiat 125, disegna carrozzerie sportive di grande impatto, rispettivamente lavelyne e la samantha. E sul telaio della piccola Fiat 500 (Cinquecento), Vignale realizzò questo affascinante veicolo biposto aperto.


Il piccolo motore trova posto comodamente sotto il coperchio del bagagliaio. Tuttavia, le fessure su questo coperchio indicano chiaramente che sotto c’è un vano motore e non un bagagliaio.
Il paraurti posteriore è completamente privo di praticità, così come le “metà” anteriori. Le luci posteriori, dal canto loro, sono grandi e ben visibili.

Nonostante la disposizione del motore posteriore della Fiat 500, Alfredo Vignale adornò la sua creazione con una distintiva finta griglia del radiatore, un cenno all’estetica dell’anteguerra, che ricorda i modelli Lancia e Balilla della Fiat. Dietro questa griglia ornamentale si trovava una ruota di scorta posizionata verticalmente, che conferiva alla vettura un’aria sofisticata. Le porte laterali ricurve, che ricordano le tourer inglesi d’epoca, ne aumentano il fascino, anche se mancano i finestrini a scomparsa. Il parabrezza piatto, pur non essendo curvo per coerenza di design, presentava prese d’aria triangolari sui montanti per deviare gli spruzzi in caso di maltempo. Sebbene la praticità della vettura fosse limitata, il suo fascino estetico era innegabile: un’incarnazione della visione artigianale di Vignale.


Sarebbe possibile fare a meno delle porte su un’auto così piccola. Ma esistono ancora, anche se non ci sono maniglie.
Probabilmente i copriruota avrebbero dovuto essere realizzati a raggi per un maggiore effetto, ma ciò avrebbe aumentato notevolmente il costo della vettura.

In effetti, questa piccola vettura non poteva vantare molto in termini di praticità. Potrebbe essere visto come il capriccio di un maestro, soprattutto considerando il suo nome, che si traduce dal francese come “malizioso” o “furfante”. Tuttavia, una visione così spensierata è messa in discussione dal fatto che la vettura supera le sue “sorelle” con carrozzeria coupé in termini di volumi di produzione. Mentre Samantha ed Evelyne hanno visto poco più di un centinaio di esemplari ciascuna, la Vignale Gamine le ha superate con circa trecento esemplari destinati al solo mercato automobilistico britannico. In totale, si stima che siano stati prodotti tra i 400 e i 450 esemplari. (Purtroppo non sono stati conservati dati più precisi).


Questo esempio era chiaramente destinato all’uso in paesi con circolazione a sinistra.
Il profilo dell’auto è affascinante, sia con la capote alzata che con quella abbassata. Tuttavia, in entrambi i casi non vi è praticamente alcuna protezione dalle condizioni esterne.

Nonostante il suo innegabile fascino, l’auto aveva i suoi svantaggi. In primo luogo, offriva solo due posti, rispetto ai quattro della Fiat 500 di base, ed era notevolmente più lenta. In secondo luogo, la sua maneggevolezza lasciava molto a desiderare. Anche il costo relativamente elevato dell’auto ha avuto un ruolo importante: la domanda è stata inferiore alle aspettative, portando Alfredo Vignale a interrompere del tutto la produzione automobilistica. Nell’autunno del 1969, la sua intera attività fu acquisita da Alejandro de Tomaso, che intendeva produrre il suo modello Pantera in questi locali. Tragicamente, alla fine di novembre, proprio mentre si concludeva il processo di trasferimento della proprietà, il signor Alfredo morì in un incidente stradale, schiantandosi con la sua Maserati personale. Si chiude così un altro capitolo dell’illustre storia della carrozzeria italiana.

L’esemplare che appare nelle nostre illustrazioni ha la guida a destra. Fu commissionato dalla filiale londinese dell’azienda e lì acquisì il suo primo proprietario. I documenti indicano che l’auto è stata acquistata nel 1969 per 645 sterline. L’anno successivo, tuttavia, il proprietario si trasferì a Karachi, in Pakistan, portando con sé l’auto. Da lì ha viaggiato via Melbourne, in Australia, fino alle Hawaii, atterrando a Honolulu. Nonostante i lunghi viaggi, questo particolare esemplare è arrivato in condizioni straordinariamente buone.


“Gamine” è ancora “boy”. Ed ecco le “ragazze”, le sue sorelle: Samantha…
… e Eveline

Foto: Sean Dugan, www.hymanltd.com

Si tratta di una transizione. Potete leggere l’articolo originale qui: Шалунишка: Fiat Vignale Gamine 1969 года в рассказе Андрея Хрисанфова

Please type your email in the field below and click "Subscribe"
Subscribe and get full instructions about the obtaining and using of International Driving License, as well as advice for drivers abroad