1. Permesso internazionale di guida
  2.  / 
  3. Blog
  4.  / 
  5. Esplorare l'innovazione e il patrimonio: Uno sguardo alla fiorente scena automobilistica della Turchia
Esplorare l'innovazione e il patrimonio: Uno sguardo alla fiorente scena automobilistica della Turchia

Esplorare l'innovazione e il patrimonio: Uno sguardo alla fiorente scena automobilistica della Turchia

La Turchia non è forse il primo Paese che viene in mente quando si parla di veicoli commerciali, ma i recenti sviluppi l’hanno certamente messa sulla mappa degli appassionati e degli osservatori del settore. L’introduzione della nuova serie F-Line di Ford Trucks, insieme alla visita alla fabbrica di semirimorchi Orthaus vicino a Istanbul, dimostra la solida posizione della Turchia nel panorama automobilistico mondiale.

Sono finiti i tempi in cui le autostrade turche erano costellate di carri trainati da cavalli e camion d’epoca con carrozzerie rosse e teloni. Oggi, le autostrade del Paese riflettono una flotta commerciale moderna, con veicoli di marchi rinomati come Mercedes, MAN e IVECO prodotti proprio qui. Inoltre, i marchi propri della Turchia, progettati secondo gli standard europei, sono sempre più rivolti ai mercati di esportazione.


La nuova serie BMC Tugra per impieghi gravosi…
La nuova serie pesante BMC Tugra…
…ha sostituito i carrelli BMC Professional
BMC Professional

Un esempio è la serie BMC Tugra, un nome meno noto che ha debuttato all’IAA di Hannover nel 2018. Questa serie combina componenti naturali come cabine e assali anteriori con unità proprietarie come motori IVECO, cambi ZF e assali Meritor. Inizialmente presentata come trattori, la Tugra comprende ora anche i dumper e si sta affermando in diversi mercati europei, tra cui Belgio, Grecia, Spagna e Polonia.


Una vecchia Mercedes Actros con un carico completo di materiali riciclabili.
Actros di nuova generazione con tuning locale

Nonostante la modernizzazione, sulle strade turche permangono resti del passato, come i precedenti autocarri della serie Professional con le loro cabine strette e cuneiformi disegnate da Pininfarina. Nelle zone rurali si possono ancora incontrare i vecchi BMC Fatih, gli equivalenti turchi dei KAMAZ di epoca sovietica, ora equipaggiati con motori diesel Cummins e trasmissioni Eaton.


Ford Cargo – ancora con il design originale “inglese”…
…e in una versione con cabina moderna

Gli autocarri Ford occupano un posto speciale nella storia automobilistica della Turchia, essendo stati prodotti sin dagli anni ’60. La famosa famiglia Cargo, originariamente sviluppata dalla filiale inglese di Ford, ha superato tutti i suoi concorrenti e viene ancora prodotta in quantità significative in Turchia e in Brasile.


Il nuovo Ford F-Line può essere un camion per la grande distribuzione…


…o, per esempio, un dumper
Camion dei rifiuti Ford F-Line

L’ultima evoluzione di Ford è la serie F-Line, che prende il nome dal trattore di punta F-Max. Questa nuova serie comprende una varietà di veicoli come dumper, camion per la distribuzione, camion per la raccolta dei rifiuti e trattori economici. La F-Line mantiene la cabina stretta (2,2 metri) del suo predecessore, solo che ora è stata rinnovata e ha ricevuto il soprannome di F-Min.


L’attuale ammiraglia Ford F-Max ha sostituito…

… i modelli Cargo a lungo raggio

I motori per la F-Line continuano a essere proprietari, con potenze da 330 a 480 cavalli, e sono completati da trasmissioni Ford o di marchi come ZF ed Eaton, compresi i modelli automatizzati. Per soddisfare le normative UE, questi autocarri sono stati dotati di un numero senza precedenti di sistemi di sicurezza e di assistenza, per un totale di 13, tra cui un dispositivo di blocco dell’alcol e un’interfaccia touchscreen. Il debutto europeo di questa serie è avvenuto in occasione della fiera Solutrans in Francia, rivolgendosi direttamente al mercato dell’UE. L’uscita della serie in Turchia è prevista per il febbraio 2024.


Camion del secolo scorso, prodotti nello stabilimento Askam

La storia automobilistica della Turchia comprende anche l’ormai defunto terzo produttore nazionale, Askam, che aveva le sue radici negli Stati Uniti. Sebbene abbia chiuso i battenti da tempo, i suoi autocarri, con i marchi Dodge, Fargo e DeSoto, appaiono ancora sporadicamente sulle strade, con un mix di vecchie cabine su licenza e motori e trasmissioni moderni.


Gli eleganti minibus Karsan Jest+ sono dotati di motori diesel Fiat, cambio automatico opzionale e sospensioni indipendenti. La gamma comprende anche una versione elettrica sviluppata in collaborazione con BMW.

La Turchia non è solo camion, ma è anche un attore importante nel settore della produzione di autobus. È notevole che tutti i veicoli da turismo di MAN e Neoplan siano ora prodotti in Turchia. Tra i produttori nazionali spicca Temsa, che è passata dall’assemblaggio di autobus giapponesi Mitsubishi su licenza alla definizione di standard globali con innovazioni come il suo ultimo autobus a idrogeno sviluppato in collaborazione con la carrozzeria portoghese Caetano.


Un doppio piano da città di un marchio a noi sconosciuto, Akia. Si notino le finestre del secondo piano
Güleryüz a due piani

Nonostante la fiorente industria locale, il mercato turco degli autobus non ha mai puntato in modo aggressivo al mercato russo. Nel frattempo, Ford Trucks, che aveva iniziato a vendere e persino ad assemblare i trattori F-Max a Kaliningrad, si è ritirata dalla Russia in seguito alle direttive dei suoi azionisti d’oltremare. Tuttavia, i semirimorchi turchi come quelli di Orthaus, visti durante la mia recente visita allo stabilimento di Akyazı, offrono prospettive promettenti per il nostro mercato. Qui, influenzata dalla tecnologia e dagli standard tedeschi, Orthaus continua a simboleggiare qualità e affidabilità. Originariamente un’azienda tedesca a conduzione familiare che ha iniziato a produrre rimorchi negli anni ’20, Orthaus è stata ristabilita in Turchia nel 2010, con il suo nuovo stabilimento che vanta una capacità annua fino a 15.000 unità, anche se i numeri della produzione effettiva sono attualmente molto più bassi.

Più di duecento operai, descritti come particolarmente allegri, lavorano nella fabbrica di Orthaus, tracciando un parallelo culturale con le fabbriche tedesche dove lavorano molti turchi, anche se con meno allegria. I componenti utilizzati per la produzione, provenienti da diversi Paesi europei, vengono stoccati all’aperto, grazie al clemente clima locale, in netto contrasto con le pratiche adottate in Germania. Orthaus è particolarmente orgogliosa del suo complesso di verniciatura cataforetica, che si dice sia il più grande della Turchia, e del suo sistema di verniciatura robotizzato, che garantisce la verniciatura per dieci anni.


Produzione di semirimorchi Orthaus: fabbricazione del sottotelaio…
…sopra le teste galleggiano il corpo e il fianco finiti…
… una pausa “a mezzogiorno”.

I semirimorchi entrano nel nostro mercato attraverso Novorossijsk e si rivolgono a diversi segmenti. Circa il 60% è costituito da modelli telonati, il 17% è progettato per il trasporto di container e il 13% funge da frigorifero. Il restante 10% comprende altre tipologie, come i dumper e i trasportatori di cereali. In particolare, esistono modelli appositamente progettati per il nostro mercato, tra cui versioni a quattro assi e un semirimorchio ribaltabile da 30 metri cubi che soddisfa tutti i requisiti normativi.


Tra i semirimorchi Orthaus ci sono anche i ribaltabili…

I prezzi di questi modelli variano: un dumper Orthaus è disponibile presso i rivenditori a 6 milioni di rubli, mentre un modello laterale “a tenda” costa da 6,6 a 8,2 milioni per un veicolo lungo a quattro assi. Un camion frigorifero lungo va dagli 11 ai 13,7 milioni di rubli.


…tra cui i “Tonari turchi”, presentati per la Russia

Nonostante una linea robusta, il nostro mercato del trasporto merci sta iniziando a subire un notevole rallentamento a causa della saturazione del mercato e degli aumenti dei tassi da parte della Banca Centrale. Inoltre, la situazione non è molto migliore in Turchia: a giugno le vendite sono state difficili. A ottobre sono stati immatricolati solo circa 2.800 autocarri, il 3% in meno rispetto all’anno precedente e 1,7 volte in meno rispetto a quanto registrato in Germania nello stesso mese. Questo ha portato i produttori locali a puntare con speranza sull’Europa.


A Istanbul i rifiuti vengono trasportati da giganteschi semirimorchi a forma di botte

Foto: Maxim Chernyavsky

Questa è una traduzione. Potete leggere l’articolo originale qui: Что интересного мы увидели на заводе Orthaus и на дорогах Турции

Please type your email in the field below and click "Subscribe"
Subscribe and get full instructions about the obtaining and using of International Driving License, as well as advice for drivers abroad