1. Permesso internazionale di guida
  2.  / 
  3. Blog
  4.  / 
  5. 10 fatti interessanti sulla Dominica
10 fatti interessanti sulla Dominica
April 07, 2024

10 fatti interessanti sulla Dominica

Fatti rapidi sulla Dominica:

  • Popolazione: Circa 72.000 persone.
  • Capitale: Roseau.
  • Lingua ufficiale: Inglese.
  • Valuta: Dollaro dei Caraibi orientali (XCD).
  • Governo: Democrazia parlamentare, repubblica.
  • Religione principale: Cristianesimo.
  • Geografia: La Dominica è un’isola del Mar dei Caraibi, situata tra Guadalupa e Martinica. È nota per il suo terreno accidentato, le lussureggianti foreste pluviali e i numerosi fiumi e cascate.

Fatto 1: ci sono ben 9 centri vulcanici nella piccola Dominica.

Dominica, conosciuta come “l’isola della natura dei Caraibi”, vanta nove centri vulcanici sparsi sul suo territorio. Questi centri includono Morne aux Diables, Morne Diablotins, Morne Trois Pitons, Morne Watt, Morne Anglais, Morne Plat Pays e altri. Sebbene il Morne Trois Pitons sia riconosciuto come vulcano attivo e Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, non tutti i centri vulcanici presentano un’attività vulcanica attuale. Tuttavia, queste caratteristiche vulcaniche contribuiscono alla topografia unica della Dominica, offrendo opportunità di esplorare sorgenti calde, fenomeni geotermici e paesaggi drammatici. I visitatori della Dominica possono ammirare il patrimonio vulcanico dell’isola e godere della sua bellezza naturale e dei suoi diversi ecosistemi.

Nota: se avete intenzione di visitare il Paese, verificate se è necessaria una patente internazionale in Dominica per guidare.

Jean & Nathalie, (CC BY 2.0)

Fatto 2: Il nome Dominica esiste fin dai tempi di Colombo.

L’isola di Dominica, situata nei Caraibi orientali, si pensa sia stata chiamata così da Colombo stesso durante la sua esplorazione della regione alla fine del XV secolo. Secondo le testimonianze storiche, Colombo avvistò l’isola per la prima volta di domenica, da cui il nome “Dominica” o “Domenica” in latino. Questo nome è rimasto nei secoli ed è oggi il nome ufficiale dell’isola.

Fatto 3: la Dominica ha una flora e una fauna molto ricche

Gli ecosistemi lussureggianti e diversificati della Dominica supportano una grande quantità di specie vegetali e animali, rendendola un paradiso per la biodiversità. Il terreno montuoso dell’isola, il suolo vulcanico e le abbondanti precipitazioni creano una varietà di habitat, tra cui foreste pluviali, fiumi d’acqua dolce, mangrovie costiere e barriere coralline. La Dominica ospita oltre 1.200 specie di piante da fiore, tra cui numerose specie rare ed endemiche che non si trovano in nessun altro luogo del pianeta. Le sue fitte foreste forniscono l’habitat per una vasta gamma di animali selvatici, tra cui l’iconico pappagallo della Dominica, conosciuto localmente come Sisserou, oltre ad aguati, manicomi e numerose specie di uccelli. Al largo, le acque che circondano Dominica pullulano di vita marina, tra cui balene, delfini, tartarughe marine e coloratissimi pesci di barriera.

Erika Mitchell, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Common

Fatto 4: la Dominica ha un proprio uccello endemico, che è l’uccello nazionale.

Il pappagallo amazzone imperiale, noto anche come pappagallo di Sisserou (Amazona imperialis), è un uccello maestoso e colorato presente solo sull’isola di Dominica. Con il suo piumaggio verde vibrante, i segni rossi e le dimensioni distintive, il pappagallo Sisserou è un simbolo caro del patrimonio naturale e della biodiversità della Dominica. A causa della perdita di habitat e del bracconaggio, il pappagallo Sisserou è considerato in pericolo critico di estinzione e sono in corso sforzi di conservazione per proteggere e preservare questa specie iconica. Riconoscendone l’importanza, il pappagallo Sisserou è stato designato come uccello nazionale della Dominica, in rappresentanza della ricca e unica diversità aviaria dell’isola.

Fatto 5: in Dominica vivono tutto l’anno i capodogli

I capodogli (Physeter macrocephalus) sono presenti nelle acque che circondano Dominica durante tutto l’anno, rendendo l’isola una delle principali destinazioni per l’osservazione delle balene e l’ecoturismo marino. I profondi canyon sottomarini al largo della costa della Dominica forniscono l’habitat ideale per questi magnifici mammiferi marini, attirandoli nella zona tutto l’anno. Sebbene la Dominica offra eccezionali opportunità di osservare i capodogli nel loro habitat naturale, si trovano anche in altre regioni del mondo, tra cui parti dell’Oceano Atlantico, Pacifico e Indiano. I capodogli sono noti per le loro lunghe migrazioni e possono trovarsi in diverse regioni oceaniche a seconda di fattori quali la disponibilità di cibo e i modelli di riproduzione.

Reinhard Link, (CC BY-NC-SA 2.0)

Fatto 6: la Dominica è un luogo ideale per fare escursioni

Il terreno accidentato, le lussureggianti foreste pluviali e i paesaggi vulcanici rendono la Dominica una destinazione ideale per chi ama le escursioni e l’avventura. L’isola vanta una rete di sentieri escursionistici ben curati che soddisfano tutti i livelli di esperienza, dalle tranquille passeggiate nella natura ai trekking più impegnativi. Gli escursionisti possono esplorare fitte foreste pluviali, scalare cime vulcaniche e scoprire cascate nascoste e sorgenti termali naturali lungo il percorso. Tra le mete più gettonate per le escursioni vi sono il Parco Nazionale Morne Trois Pitons, che ospita il Lago Bollente e le Cascate di Trafalgar, dichiarati dall’UNESCO, e il Waitukubuli National Trail, il sentiero escursionistico più lungo dei Caraibi che si estende per 115 miglia da nord a sud.

Fatto 7: la maggior parte della Dominica è costituita da parchi nazionali

L’impegno della Dominica per la conservazione è evidente nell’istituzione di numerosi parchi nazionali e aree protette, che comprendono diversi ecosistemi e paesaggi incontaminati. Queste aree protette coprono una grande percentuale della superficie totale dell’isola, rendendo la Dominica uno dei Paesi più preservati dal punto di vista ambientale dei Caraibi. Tra i parchi nazionali più importanti vi sono il Parco Nazionale Morne Trois Pitons, patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, noto per i suoi picchi vulcanici, il lago bollente e le lussureggianti foreste pluviali, e il Parco Nazionale Cabrits, che ospita fortezze storiche e una variegata vita marina. Altre aree protette includono riserve forestali, riserve marine e santuari della fauna selvatica, che contribuiscono a preservare la ricca biodiversità e il patrimonio naturale della Dominica.

Marc Tarlock, (CC BY-SA 2.0)

Fatto 8: la Dominica ha una baia con sorgenti termali

Champagne Reef, situata vicino al villaggio di Soufrière sulla costa sud-occidentale della Dominica, è rinomata per le sue sorgenti termali gorgoglianti che rilasciano in mare acqua calda e gassata. Questo fenomeno crea una sensazione simile alle bollicine dello champagne, che dà il nome alla barriera corallina. Gli amanti dello snorkeling e delle immersioni possono esplorare le acque poco profonde di Champagne Reef, dove incontreranno vibranti formazioni coralline, pesci colorati e altre forme di vita marina tra le calde ed effervescenti bolle che emergono dal fondale. La combinazione di sorgenti termali sottomarine e di un’abbondante biodiversità marina rende Champagne Reef una destinazione popolare per gli appassionati di subacquea e gli amanti della natura che visitano la Dominica.

Fatto 9: A causa della sua origine vulcanica, la Dominica ha molte spiagge di sabbia nera.

Il colore scuro di queste spiagge deriva da minerali vulcanici e depositi di lava. Le spiagge di Dominica variano per colore e composizione, le spiagge di sabbia nera si trovano in località come Scotts Head, Soufrière e Pointe Baptiste. I visitatori di queste spiagge possono ammirare il contrasto tra le sabbie scure e le acque turchesi del Mar dei Caraibi, creando scenari costieri suggestivi e pittoreschi. Oltre al loro fascino estetico, le spiagge di sabbia nera offrono la possibilità di fare beachcombing, nuotare e godere della bellezza naturale dell’isola.

Hans Hillewaert, CC BY-SA 3.0

Fatto 10: la Dominica ha preservato le popolazioni indigene

Gli indigeni Carib, conosciuti anche come Kalinago, abitano la Dominica da secoli e continuano a mantenere le loro tradizioni culturali e il loro patrimonio sull’isola. Nonostante l’impatto della colonizzazione europea e secoli di cambiamenti sociali, il popolo Kalinago ha perseverato e conservato aspetti della sua lingua, dei suoi costumi, delle sue arti e del suo stile di vita tradizionale. Il Territorio di Kalinago, situato sulla costa orientale della Dominica, è una riserva designata dove risiedono molti membri della comunità Carib. Qui i visitatori possono conoscere la storia e la cultura del popolo Kalinago attraverso visite guidate, dimostrazioni culturali e interazioni con i membri della comunità.

Please type your email in the field below and click "Subscribe"
Subscribe and get full instructions about the obtaining and using of International Driving License, as well as advice for drivers abroad