1. Permesso internazionale di guida
  2.  / 
  3. Blog
  4.  / 
  5. 10 fatti interessanti sull'Ungheria
10 fatti interessanti sull'Ungheria

10 fatti interessanti sull'Ungheria

Fatti rapidi sull’Ungheria:

  • Capitale: Budapest
  • Popolazione: Circa 9,7 milioni di persone
  • Lingua: Ungherese
  • Valuta: Fiorino ungherese (HUF)
  • Punti di riferimento: Lo storico Castello di Buda, il Bastione dei Pescatori e le terme di SzĂ©chenyi.
  • Cucina: Famosa per piatti come il gulasch, la torta del camino (kĂĽrtĹ‘skalács) e le specialitĂ  ungheresi a base di paprika.

Fatto 1: Un popolo imparentato con gli ungheresi è quello dei finlandesi.

Nonostante risiedano in regioni geografiche diverse, ungheresi e finlandesi sono legati da una parentela linguistica. Entrambe appartengono alla famiglia delle lingue ugro-finniche, un gruppo all’interno della più ampia famiglia delle lingue uraliche. Le lingue ungherese e finlandese, pur essendo diverse, hanno radici comuni e mostrano un legame storico che risale a secoli fa con l’antico popolo degli Urali. Questa relazione linguistica riflette un legame affascinante tra queste due nazioni, evidenziando la diversità all’interno del più ampio arazzo delle culture europee.

Fatto 2: L’alfabeto ungherese è composto da 44 lettere.

L’alfabeto ungherese, unico nella sua composizione, comprende 44 lettere che riflettono le sfumature fonetiche della lingua ungherese. Questo alfabeto comprende caratteri speciali come “é”, “á”, “í”, “ó”, “ö”, “ő”, “ú” e “ű”.ő”, “ú”, “ü” e “ű”, che contribuiscono ai suoni e alla pronuncia distintivi della lingua ungherese. La varietà di lettere dell’alfabeto ungherese sottolinea la ricchezza e la complessità del sistema linguistico che caratterizza questa cultura dell’Europa centrale.

Fatto 3: in Ungheria non è consuetudine far tintinnare i bicchieri di birra.

A differenza di molte altre culture, dove il tintinnio dei bicchieri è un gesto sociale comune, gli ungheresi tendono a non farlo per la birra. Questa pratica affonda le sue radici in eventi storici, in particolare nella sconfitta della Rivoluzione ungherese del 1848, quando 13 generali ungheresi furono giustiziati dagli Asburgo (l’Ungheria ha fatto parte dell’Austria-Ungheria per molti secoli, vedi 10 curiosità sull’Austria). Per onorare la loro memoria, gli ungheresi hanno deciso di non far tintinnare i bicchieri di birra per 150 anni. Sebbene siano passati 150 anni e la tradizione sia terminata ufficialmente nel 1998, alcuni ungheresi osservano ancora questa usanza per rispetto della loro storia. Questa tradizione unica conferisce all’atto di bere insieme in Ungheria un significato culturale speciale.

Fatto 4: a Budapest è stata inaugurata la seconda metropolitana d’Europa.

Budapest ha introdotto con orgoglio il secondo sistema di metropolitana in Europa, segnando una pietra miliare nel trasporto urbano. La Millennium Underground Railway, o M1, è entrata in funzione nel 1896, subito dopo l’inaugurazione della prima metropolitana di Londra. Questa storica ferrovia sotterranea è stata un elemento chiave dell’efficiente rete di trasporto pubblico di Budapest, contribuendo alla crescita e alla modernizzazione della città. La linea M1, tuttora in funzione, è una testimonianza delle prime innovazioni di Budapest nel campo del trasporto urbano e rimane una parte iconica della storia della città.

Fatto 5: l’Ungheria ospita uno dei più grandi festival musicali del mondo

Il Sziget Festival, che si tiene ogni anno a Budapest, è uno dei più grandi e rinomati festival musicali a livello mondiale. Questa settimana di celebrazioni riunisce una serie di artisti di vari generi, tra cui rock, pop, elettronica e altro ancora. Fondato nel 1993, il Sziget si è evoluto in una stravaganza culturale che non si limita alla musica, ma comprende anche installazioni artistiche, spettacoli e un’atmosfera vibrante. Con centinaia di migliaia di partecipanti da tutto il mondo, il Sziget Festival è diventato un simbolo della dinamica scena culturale ungherese e un evento imperdibile per gli appassionati di musica di tutto il mondo.

Fatto 6: l’Ungheria vanta un’antica e ricca tradizione vitivinicola.

La cultura ungherese della viticoltura vanta una storia secolare, con testimonianze della coltivazione della vite e della produzione di vino che risalgono all’epoca romana. Il clima diverso e i vari terroir del Paese contribuiscono alla coltivazione di un’ampia gamma di varietà di uve, che producono vini noti per i loro sapori e le loro caratteristiche uniche. L’Ungheria è rinomata per i suoi vini dolci Tokaji, il Sangue di Toro (Egri Bikavér) e altri vitigni che hanno guadagnato fama internazionale. Questa radicata eredità vitivinicola ha trasformato l’Ungheria in un attore di primo piano nell’industria vinicola mondiale, rendendo i vini ungheresi parte integrante dell’identità culturale del Paese.

Fatto 7: In Ungheria ci sono centinaia di sorgenti termali.

L’Ungheria è famosa per le sue abbondanti sorgenti termali, che sono centinaia in tutto il Paese. Queste sorgenti termali naturali hanno svolto un ruolo significativo nella cultura termale ungherese, attirando visitatori in cerca di relax e benefici terapeutici. La capitale, Budapest, è particolarmente rinomata per i suoi numerosi bagni termali, tra cui gli iconici Bagni Széchenyi e Gellért. Le acque termali, ricche di minerali, non sono solo una fonte di svago ma offrono anche benefici per la salute, rendendo l’Ungheria una destinazione di spicco per gli appassionati di terme e per coloro che cercano le proprietà curative delle sorgenti termali.

Nota: se avete intenzione di visitare il Paese, verificate se è necessaria una patente internazionale in Ungheria per guidare.

Fatto 8: gli ungheresi hanno inventato molte cose

Lo spirito inventivo dell’Ungheria è evidente nei contributi in diversi campi. Gli inventori ungheresi hanno dato un contributo importante, con invenzioni degne di nota come la penna a sfera (László Bíró), il cubo di Rubik (Ernő Rubik) e il processo di olografia (Dennis Gabor). Oltre a queste innovazioni tangibili, la prodezza intellettuale dell’Ungheria si riflette nei numerosi premi Nobel che ha prodotto, sottolineando il costante impegno del Paese verso la creatività e l’eccellenza intellettuale.

Fatto 9: Il villaggio di Hollókő, in Ungheria, è rimasto praticamente immutato dal XVIII secolo.

Hollókő, patrimonio mondiale dell’UNESCO, è una testimonianza vivente del ricco patrimonio culturale ungherese. Questo affascinante villaggio, situato sulle montagne di Cserhát, ha conservato la sua architettura tradizionale e il suo stile di vita, offrendo ai visitatori un raro scorcio della vita rurale ungherese del XVIII secolo. Le case ben conservate, le strade acciottolate e l’assetto generale di Hollókő evocano un senso di salto nel passato. Questo impegno nella conservazione culturale rende Hollókő non solo una destinazione pittoresca, ma anche un importante punto di riferimento culturale e storico in Ungheria.

Fatto 10: le tradizioni equestri ungheresi sono tuttora rilevanti

Le radicate tradizioni equestri dell’Ungheria hanno lasciato un segno indelebile nella sua cultura. La parola “Hussar”, utilizzata in inglese per descrivere un tipo di cavalleria leggera, ha origini ungheresi. Gli Ussari erano un’unità di cavalleria distintiva e altamente qualificata dell’esercito ungherese tra il XV e il XVII secolo. Rinomati per la loro abilità a cavallo e per le uniformi sgargianti, gli Ussari divennero sinonimo di prodezza militare ungherese. Oggi, il patrimonio equestre ungherese continua a essere celebrato attraverso vari eventi, festival e la conservazione delle abilità equestri, mostrando l’influenza duratura di queste tradizioni sull’identità culturale del Paese.

Please type your email in the field below and click "Subscribe"
Subscribe and get full instructions about the obtaining and using of International Driving License, as well as advice for drivers abroad