1. Permesso internazionale di guida
  2.  / 
  3. Blog
  4.  / 
  5. 10 fatti interessanti sul Bhutan
10 fatti interessanti sul Bhutan
March 17, 2024

10 fatti interessanti sul Bhutan

Fatti rapidi sul Bhutan:

  • Popolazione: Circa 800.000 persone.
  • Lingua ufficiale: Dzongkha.
  • Capitale: Thimphu.
  • Valuta: Ngultrum bhutanese.
  • Governo: Monarchia costituzionale.
  • Religione principale: Buddismo.
  • Geografia: Paese senza sbocco sul mare, situato nell’Himalaya orientale.
  • Confina con l’India a sud, est e ovest e con la Cina a nord.

Fatto 1: il Bhutan è un paese montuoso

Il paesaggio del Bhutan è prevalentemente montuoso, con circa il 70% della sua superficie totale coperta da picchi imponenti e terreni accidentati. Il Paese è incastonato nell’Himalaya orientale e vanta alcune delle vette più alte del mondo, tra cui Gangkhar Puensum, Jomolhari e Chomolhari. Queste montagne imponenti non solo contribuiscono alla straordinaria bellezza naturale del Bhutan, ma costituiscono anche l’habitat di una flora e di una fauna diverse. Il territorio montuoso influenza in modo significativo la cultura, lo stile di vita e le pratiche tradizionali del Bhutan, oltre a plasmare l’agricoltura e l’economia.

Fatto 2: il Bhutan è un paese molto povero ma felice

Il Bhutan, classificato come Paese a reddito medio-basso, è famoso per dare priorità al benessere e alla felicità dei suoi cittadini rispetto alle misure puramente economiche. Questo approccio unico è racchiuso nel concetto di Felicità Nazionale Lorda (GNH), che enfatizza lo sviluppo olistico e considera fattori al di là della ricchezza materiale, come la conservazione dell’ambiente, la salvaguardia della cultura e il benessere psicologico. Nonostante le sfide economiche, l’impegno del Bhutan nei confronti del GNH ha contribuito a creare un senso di soddisfazione e appagamento tra la popolazione, facendogli guadagnare la reputazione di nazione “felice”. È essenziale notare che, sebbene il Bhutan debba affrontare problemi legati alla povertà, la sua enfasi sulla felicità e sul benessere lo distingue e dimostra una diversa misura di successo rispetto alle metriche puramente economiche.

Fatto 3: Il visto per il Bhutan costa 200 dollari per ogni giorno di permanenza previsto.

Il visto per il Bhutan comporta un costo fisso di 200 dollari al giorno per la durata prevista del soggiorno. A causa dell’impatto del COVID-19 e dei cambiamenti nelle politiche turistiche, il costo delle visite in Bhutan potrebbe aver subito delle fluttuazioni. Sebbene la tariffa giornaliera per i turisti includa tipicamente alloggio, pasti, trasporto e servizi di guida, è essenziale considerare le spese aggiuntive e preventivare di conseguenza. Alla luce dei recenti cambiamenti, è consigliabile prevedere un budget di almeno 300 dollari al giorno per coprire tutte le spese, comprese quelle di vitto e alloggio, assicurando un’esperienza confortevole e piacevole durante l’esplorazione del Bhutan.

Nota: Avete intenzione di visitare il paese? Verificare se è necessaria una patente di guida internazionale in Bhutan per guidare.

Fatto 4: il Bhutan è stato a lungo un Paese molto isolato

Il Bhutan ha mantenuto una reputazione per il suo relativo isolamento e per la conservazione della sua cultura e delle sue tradizioni buddiste. Grazie alla sua posizione geografica nell’Himalaya orientale e agli sforzi deliberati per limitare l’influenza esterna, il Bhutan è rimasto relativamente incontaminato dalle forze esterne per gran parte della sua storia. Questo isolamento ha contribuito a preservare il patrimonio culturale unico del Bhutan, comprese le sue pratiche buddiste profondamente radicate, i monasteri e le feste. Tuttavia, negli ultimi anni, il Bhutan si è gradualmente aperto al mondo esterno, abbracciando il turismo e avviando relazioni diplomatiche con altri Paesi, pur cercando di proteggere e promuovere la propria identità culturale distintiva.

Fatto 5: il Bhutan ha l’aeroporto più pericoloso del mondo

L’aeroporto di Paro in Bhutan è rinomato per il suo approccio impegnativo e per la sua posizione panoramica tra le montagne dell’Himalaya. L’aeroporto di Paro è considerato uno degli aeroporti più impegnativi per i piloti a causa della pista stretta, dell’alta quota e del terreno montuoso circostante. Solo pochi piloti sono certificati per atterrare all’aeroporto di Paro e si sottopongono a un rigoroso addestramento per superare le impegnative procedure di avvicinamento necessarie per atterrare in sicurezza.

Fatto 6: in Bhutan si trovano dipinti di falli sulle case.

Questi dipinti fanno parte della tradizione popolare bhutanese e si ritiene che allontanino gli spiriti maligni e portino fortuna e fertilità. I simboli del fallo, spesso raffigurati con colori vivaci e disegni intricati, sono considerati sacri e si ritiene che nella cultura bhutanese possiedano qualità protettive e di buon auspicio. Sebbene la presenza di dipinti di fallo possa sembrare insolita agli estranei, essi sono accolti come una tradizione culturale e sono considerati con riverenza e rispetto dal popolo bhutanese.

Fatto 7: Lo sport nazionale è il tiro con l’arco

Il tiro con l’arco è infatti lo sport nazionale del Bhutan. Il tiro con l’arco riveste una notevole importanza culturale e sociale nella società bhutanese e i tornei e le gare di tiro con l’arco sono eventi popolari in tutto il Paese. Il tiro con l’arco è praticato in Bhutan da secoli ed è profondamente radicato nelle tradizioni e nel folklore del Paese. Non è solo uno sport, ma anche un’attività sociale che favorisce il cameratismo e lo spirito di comunità tra i partecipanti.

Fatto 8: il Bhutan vieta di fumare nei luoghi pubblici

Il Bhutan ha attuato severe misure di controllo del tabacco, tra cui il divieto di fumare nei luoghi pubblici. La legge sul controllo del tabacco del Bhutan, promulgata nel 2010, vieta il fumo in tutte le aree pubbliche, compresi i luoghi di lavoro al chiuso, i trasporti pubblici, i ristoranti, i bar e gli edifici governativi. Inoltre, la vendita di prodotti del tabacco è strettamente regolamentata e anche il fumo negli spazi privati è soggetto a restrizioni. Il governo del Bhutan ha adottato un approccio proattivo alla lotta contro il tabagismo, riconoscendo i gravi rischi per la salute associati al fumo e l’importanza di promuovere la salute pubblica e il benessere.

Fatto 9: il Bhutan ha vietato l’abbattimento commerciale degli alberi

Il Bhutan ha attuato rigorose politiche di conservazione ambientale, tra cui il divieto di abbattere gli alberi a scopo commerciale. Secondo la legge forestale del Bhutan del 1969, solo gli alberi vecchi, malati o caduti possono essere tagliati per ricavarne legname, e questa attività è strettamente regolamentata dal governo. Il divieto di abbattimento commerciale degli alberi mira a preservare le rigogliose foreste del Bhutan, che sono fondamentali per mantenere la biodiversità, regolare le risorse idriche, prevenire l’erosione del suolo e mitigare i cambiamenti climatici.

Fatto 10: Tutta l’agricoltura è biologica

Il Bhutan ha adottato le pratiche di agricoltura biologica come pietra miliare della sua politica agricola. Il Paese vieta l’uso di pesticidi sintetici e fertilizzanti chimici in agricoltura, promuovendo invece metodi di coltivazione tradizionali e sostenibili che privilegiano la conservazione dell’ambiente e la salute dei consumatori. L’agricoltura biologica in Bhutan non è solo benefica per l’ambiente, ma sostiene anche i mezzi di sostentamento rurale e aumenta la sicurezza alimentare. Con la coltivazione biologica, il Bhutan intende proteggere le proprie risorse naturali, promuovere la biodiversità e produrre cibo di alta qualità e nutriente per i propri cittadini e visitatori.

Please type your email in the field below and click "Subscribe"
Subscribe and get full instructions about the obtaining and using of International Driving License, as well as advice for drivers abroad