1. Permesso internazionale di guida
  2.  / 
  3. Blog
  4.  / 
  5. 10 fatti interessanti sulla Grecia
10 fatti interessanti sulla Grecia

10 fatti interessanti sulla Grecia

Fatti rapidi sulla Grecia:

  • Posizione: Situata nell’Europa sudorientale, la Grecia occupa l’estremità meridionale della penisola balcanica.
  • Capitale: Atene.
  • Lingua ufficiale: Greco.
  • Valuta: Euro (EUR).
  • Popolazione: Circa 10,4 milioni.
  • Dimensioni: Con una superficie di circa 131.957 chilometri quadrati, la Grecia vanta paesaggi e siti storici diversi.

Fatto 1: la democrazia è comparsa in Grecia

All’antica Grecia viene spesso attribuito lo sviluppo della democrazia, in particolare nella città-stato di Atene nel V secolo a.C.. Tuttavia, è essenziale notare che la forma di democrazia nell’antica Grecia differiva notevolmente dalle moderne democrazie rappresentative.

Ad Atene si praticava una forma di democrazia diretta, in cui i cittadini aventi diritto avevano la possibilità di partecipare direttamente ai processi decisionali. Tuttavia, è fondamentale sottolineare che non tutti i residenti erano considerati cittadini. Infatti, una parte considerevole della popolazione, tra cui donne, stranieri e schiavi, era esclusa dal processo democratico. Gli schiavi, essendo considerati proprietà piuttosto che cittadini, non avevano il diritto di votare o di partecipare agli affari politici.

Fatto 2: la Grecia è visitata da un numero maggiore di turisti che di abitanti.

La Grecia è una destinazione turistica molto popolare, che attira milioni di visitatori ogni anno. Con un numero di arrivi turistici annuali che spesso supera i 30 milioni di visitatori, la Grecia ospita spesso più di tre volte la sua popolazione residente, che è di circa 10,4 milioni di persone. Il settore turistico svolge un ruolo fondamentale nell’economia greca, contribuendo in modo significativo al Prodotto Interno Lordo (PIL). Rappresenta una parte sostanziale dell’occupazione e delle entrate del Paese, il che lo rende un settore cruciale per la sostenibilità economica. E c’è molto da vedere!

Fatto 3: in Grecia ci sono 18 siti patrimonio dell’umanità dell’UNESCO

La Grecia ospita numerosi tesori culturali e naturali riconosciuti dall’UNESCO. Questi siti mostrano la ricca storia, la mitologia e la biodiversità della regione. Ecco alcuni importanti siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO in Grecia:

  1. Acropoli, Atene: L’Acropoli è un simbolo dell’antica Grecia, con diverse strutture monumentali, tra cui il Partenone è la più iconica. Costruito nel V secolo a.C., rappresenta l’apice dell’architettura greca classica ed è dedicato alla dea Atena.
  2. Meteora: Meteora è un complesso unico di monasteri arroccati su imponenti pilastri di roccia nella Grecia centrale. Costruiti dai monaci tra il XIV e il XVI secolo, questi monasteri offrono splendide viste panoramiche e permettono di conoscere l’arte bizantina e la vita monastica.
  3. Delfi: Delfi è un sito archeologico situato alle pendici del monte Parnaso. Nell’antichità era considerata il centro del mondo ed era dedicata ad Apollo. Il sito comprende il Tempio di Apollo, il Teatro e il Santuario di Atena Pronaia.
  4. Olimpia: Olimpia è famosa per essere il luogo di nascita degli antichi giochi olimpici. Il sito archeologico comprende le rovine del santuario di Zeus, del tempio di Hera e dell’antico stadio dove si svolgevano i Giochi.
  5. Monte Athos: Il Monte Athos è una montagna e una penisola della Grecia settentrionale, sede di una comunità monastica unica nel suo genere. La zona è nota per i suoi monasteri bizantini ben conservati, ognuno dei quali contribuisce al patrimonio spirituale e culturale della regione.
  6. Mystras: Mystras è una città medievale fortificata del Peloponneso, nota per la sua architettura bizantina e i suoi affreschi. Il sito offre uno sguardo sulla vita politica, culturale ed economica dell’Impero bizantino.

Nota: quando si viaggia molte persone scelgono di noleggiare un’auto, verificare se è necessaria una patente internazionale in Grecia per guidare e noleggiare un’auto.

Holger Uwe Schmitt, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Fatto 4: il greco è la lingua più antica ancora in uso oggi

La lingua greca ha una ricca storia ed è considerata una delle lingue più antiche ancora in uso. Naturalmente in 5.000 anni è cambiata, ecco alcuni punti chiave:

  1. Radici del greco antico: Il greco è una lingua indoeuropea le cui origini risalgono all’antica Grecia. Fa parte del ramo ellenico della famiglia delle lingue indoeuropee.
  2. Periodo classico: Il greco antico era caratterizzato da diversi dialetti, con il dialetto attico che divenne importante durante il periodo classico. Questo periodo, intorno al V e al IV secolo a.C., vide il fiorire della letteratura, della filosofia e delle arti greche.
  3. Il greco koinè: Dopo le conquiste di Alessandro Magno, una forma di greco nota come Koine divenne la lingua franca del mondo ellenistico. Il greco koinè continuò a essere utilizzato durante il periodo romano e bizantino.
  4. Continuità: Il greco ha dimostrato una notevole continuità nel corso della sua lunga storia. La lingua greca si è evoluta attraverso varie fasi, ma ha mantenuto un certo grado di intelligibilità reciproca tra i diversi periodi storici.
  5. Il greco moderno: Il greco moderno, la forma parlata nella Grecia contemporanea, si è evoluto dal greco koinè. Pur avendo subito cambiamenti nel corso dei secoli, il greco moderno mantiene un significativo grado di continuità con le sue radici antiche.

Molte parole in diverse lingue hanno radici greche, così come nomi come Alessio, Anastasia, Alessandro, Giorgio, Elena e molti altri.

Fatto 5: In Grecia ci sono circa 6.000 isole.

La Grecia è nota per le sue numerose isole, il cui numero esatto può variare leggermente in base alle diverse classificazioni e dimensioni delle terre emerse considerate isole. Il numero totale si aggira in genere intorno alle 6.000 unità, rendendo l’arcipelago greco uno dei più estesi al mondo.

È importante notare che le isole più grandi, come Creta ed Eubea, contribuiscono in modo significativo al conteggio totale, mentre molte isole più piccole possono essere disabitate o avere una popolazione minima. Queste isole variano per dimensioni, caratteristiche geografiche e significato culturale, offrendo paesaggi ed esperienze diverse a residenti e visitatori.

Avrete sicuramente visto su Instagram foto o video di Santorini, che è un’isola a sé stante della Grecia.

Fatto 6: Il nome ufficiale della Grecia non è Grecia.

Mentre “Grecia” è il nome comunemente usato e riconosciuto a livello internazionale per il Paese, il suo nome ufficiale in greco è “Ελληνική Δημοκρατία” (Ellinikí Dimokratía), che si traduce in “Repubblica Ellenica”. L’uso di “Grecia” in inglese e in altre lingue deriva dalla parola latina “Graecia” ed è stato ampiamente adottato per semplicità e familiarità. Tuttavia, la denominazione ufficiale riflette il legame storico e culturale della nazione con il termine “ellenico”, che si riferisce al popolo greco e alla sua lingua.

Fatto 7: I Giochi Olimpici moderni tornano alle tradizioni dell’antica Grecia

I Giochi Olimpici moderni, iniziati da Pierre de Coubertin nel 1896, miravano a far rivivere e celebrare le tradizioni atletiche dell’antica Grecia. Coubertin si ispirò agli antichi Giochi Olimpici, che si tennero a Olimpia dal 776 a.C. al 393 a.C..

Gli elementi chiave che riflettono le tradizioni dell’antica Grecia nei Giochi Olimpici moderni includono:

  1. Competizione atletica: L’attenzione alle varie discipline atletiche e alle competizioni riecheggia lo spirito degli antichi Giochi Olimpici, dove si svolgevano eventi come la corsa, la lotta e le corse dei carri.
  2. Fiamma cerimoniale: La pratica di accendere la fiamma olimpica a Olimpia e di portarla nella città ospitante è un omaggio diretto all’antica tradizione in cui una fiamma sacra ardeva per tutta la durata dei Giochi antichi.
  3. Cerimonia di apertura: La grandiosità della Cerimonia di apertura, che comprende la Parata delle Nazioni e l’accensione del calderone olimpico, rende omaggio all’antica usanza greca di celebrare i Giochi con cerimonie elaborate.
  4. Simboli olimpici: L’uso di simboli come gli anelli olimpici, che rappresentano i cinque continenti, e la corona di alloro per i vincitori, riflette le antiche tradizioni greche associate alla vittoria e all’unità.

Sebbene i Giochi Olimpici moderni si siano evoluti e abbiano incorporato elementi contemporanei, l’impegno a onorare il patrimonio dell’antica Grecia rimane un aspetto fondamentale del movimento olimpico.

Singapore 2010 Youth Olympic Games, (CC BY-NC 2.0)

Fatto 8: Atene ha molti teatri (anche moderni!)

Atene vanta una vivace scena teatrale con un mix di luoghi antichi e moderni. La città ospita numerosi teatri, che contribuiscono al suo ricco patrimonio culturale. Pur non superando la quantità di palcoscenici teatrali di Broadway a New York o del West End a Londra, Atene offre una miscela unica di significato storico e spettacoli contemporanei. La città offre una vasta gamma di esperienze teatrali che la rendono un polo culturale per residenti e visitatori.

Fatto 9: la Grecia è circondata da cinque mari diversi

La Grecia è circondata da cinque mari diversi, il che la rende una posizione geografica unica. Ecco i mari che circondano la Grecia:

  1. Mar Egeo: A est della Grecia si trova il Mar Egeo, noto per le sue numerose isole, tra cui le Cicladi e il Dodecaneso.
  2. Mar Ionio: A ovest della terraferma si trova il Mar Ionio, con isole come Corfù, Zante e Cefalonia.
  3. Mar Mediterraneo: La parte meridionale della Grecia è bagnata dal Mar Mediterraneo, che contribuisce al clima mediterraneo del Paese.
  4. Mare di Tracia: La parte settentrionale della Grecia è delimitata dal Mar di Tracia, che si collega al più grande Mar Egeo.
  5. Mar Libico: Situato a sud dell’isola di Creta, il Mar Libico è un altro specchio d’acqua che circonda la Grecia.

I diversi mari che circondano la Grecia non solo contribuiscono alla sua diversità geografica, ma offrono anche una vasta gamma di paesaggi costieri ed esperienze per i residenti e i visitatori.

dronepicr, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

Fatto 10: la Grecia vanta una fauna selvatica varia e abbondante

La Grecia è nota per la sua variegata fauna selvatica, che comprende oltre 400 specie di uccelli, numerose creature marine nei suoi mari e una varietà di fauna terrestre. L’impegno del Paese per la conservazione si riflette nell’istituzione di oltre 30 parchi nazionali e aree protette, che preservano la sua biodiversità. Questi sforzi contribuiscono a rendere la Grecia una destinazione con una fauna selvatica abbondante e varia.

Please type your email in the field below and click "Subscribe"
Subscribe and get full instructions about the obtaining and using of International Driving License, as well as advice for drivers abroad